Nuovo Mini Corso Gratuito di Time Management

KPI: Cosa Sono e Come Utilizzarli per Far Crescere il Tuo Business

KPI: Cosa Sono e Come Utilizzarli per Far Crescere il Tuo Business

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Quando si parla di b-u-s-i-n-e-s-s spuntano spesso fuori espressioni incomprensibili che hanno il magico potere di gettarci nel panico. Quando le sentiamo in una conversazione automaticamente sorridiamo e annuiamo con aria convinta, tentando di nascondere nel più convincente dei modi il disagio che ci cresce dentro. Una di queste parole è KPI: cosa sono i Kpi, e perché sembrano così imprescindibili per la crescita del tuo business?

È troppo poco dire che KPI sta per “Key performance indicator”: si tratta di qualcosa che tutti possono reperire facilmente in pochissimi secondi di ricerca Google. Già a tradurre l’acronimo in italiano il suo senso complessivo diventa un po’ più comprensibile. Indicatore chiave di prestazione rende un po’ meglio l’idea di qualcosa che misura un progresso, ma cosa sono gli indicatori KPI, e come si valuta la KPI performance di un’azienda?

Per capire cosa sono i KPI aziendali dobbiamo scendere nello specifico e capire all’atto pratico che cosa siano. Fortunatamente, però, parlando di KPI esempi pratici ce ne sono a bizzeffe, e non è difficile comprenderne il senso e soprattutto l’utilizzo. Ma cominciamo dal principio.

KPI (s): cosa sono i Key Performance Indicators

Che cosa sono i KPI aziendali? Ebbene, si tratta semplicemente di un sistema per valutare l’andamento dei progressi di un’azienda. Una volta capito come utilizzarli e come applicarli alla tua avventura imprenditoriale, ti semplificheranno davvero la vita!

Il monitoraggio KPI della tua azienda va fatto settimanalmente, e si basa su una divisione in due aree, generando una vera e propria cartina tornasole dello stato di salute del tuo progetto. Le due aree KPI da tenere d’occhio sono, sostanzialmente:

  • I KPI macro, che sono indicatori chiave dell’andamento complessivo dell’azienda.
  • I KPI micro, da uno a 3 numeri che ogni membro del tuo team tiene monitorati per comprendere il suo contributo all’interno dell’azienda

Da imprenditrici sappiamo che dobbiamo tenere un occhio vigile sull’intero andamento della nostra azienda. Spesso se non deleghiamo i compiti più specifici a persone di fiducia quel che ne otterremo sarà uno scarso risultato per un grande investimento di energia. Per questo dovrai concentrarti sull’area che più ti interessa.

Cominciamo dai macro KPI: cosa sono, e come si gestiscono?

Restiamo sul nostro specifico: l’imprenditoria digitale.

In questo caso la cosa davvero bellissima è che siamo in grado in ogni momento di monitorare le persone che scelgono i nostri prodotti e i nostri servizi. I nostri clienti, infatti, dovranno accedere ed iscriversi alla nostra piattaforma per accedere alla nostra offerta. Saremo in grado di monitorare il loro comportamento. Un buon inizio!

Le KPI che, da imprenditrice, dovresti tenere d’occhio, si suddividono in tre blocchi ben precisi.

  • Le entrate settimanali.
  • Il numero dei tuoi iscritti
  • Roi dell’advertising

Le prime due vooci sono immediatamente comprensibili, ma forse vale la pena di spiegare meglio, il caso del terzo KPI: cosa sono i ROI?

Con ROI intendiamo il Return On Investment, ossia il rapporto fra la spesa e l’incasso. In questo caso, valuteremo quale sia il rapporto fra l’incasso e la spesa che avremo effettuato in termini di comunicazione per entrare in contatto e convertire in clienti gli utenti della rete. KPI nel marketing, sostanzialmente.

Questi tre “numeri” sono più che sufficienti per capire quali siano le prestazioni della tua azienda. In questo articolo li trovi declinati in modo molto generico per un’azienda digitale, ma sarai perfettamente in grado di adattarli alla specificità della tua azienda facendo un ragionamento sulle applicazioni delle voci.

Se, ad esempio, la tua azienda non si basa su una piattaforma web ma sul contatto telefonico, non parleremo di iscritti ma di contatti in rubrica. Se per raggiungere i tuoi utenti non devi fare advertisement ma, ad esempio, partecipare a bandi, sarà quella la voce di spesa da inserire nel tuo ROI, e via discorrendo.

Micro KPI: cosa sono e come si impostano

Passiamo dallo sguardo generale a quello più specifico. Parliamo di micro KPI: cosa sono lo abbiamo già anticipato, ma scendiamo più nel dettaglio. E soprattutto cerchiamo di capire come si impostino le task di monitoraggio per i tuoi collaboratori!

I micro Kpi sono un minimo di 3 o un massimo di 5 “numeri” che ciascun membro della tua azienda valuta per sincerarsi di stare contribuendo al buon andamento della tua azienda. Di solito si cerca di limitarsi a 3 numeri per non sovraccaricare il tuo collaboratore metterlo nella migliore condizione per monitorare i suoi dati nel miglior modo.

I micro KPI sono, in realtà, un livello più approfondito di macro KPI. Ad esempio, se tu, in quanto imprenditrice, monitorerai solo il rapporto costo/benefici generale delle tue campagne di advertisement su Facebook, il collaboratore incaricato di realizzarle sarà chiamato a un maggiore approfondimento.

Controllerà ad esempio il costo per iscritto, il tasso di conversione della landing page e l’andamento della reach delle campagne. Tendenzialmente meno sono i numeri da tenere monitorati, meglio sarà, perché navigare in un oceano di dati che spesso non ci dicono molto è il miglior sistema per affondare nella confusione!

Micro KPI: esempi da monitorare settimanalmente

Passiamo alla pratica: vediamo qualche esempio di micro KPI da far monitorare settimanalmente al tuo team. Per dartene un quadro, ispiriamoci a quello che conosciamo meglio: il team di Biz Academy!

Il nostro esperto SEO, ad esempio, riporta:

  • Il volume di traffico organico che arriva al sito
  • La conversione di quel traffico sul nostro sito
  • Le TOP KEYWORDS con cui ci posizioniamo su Google.

Il nostro responsabile dell’assistenza al cliente, invece, riporta:

  • Il tempo medio di risposta
  • Il numero di mail risolte
  • Il tasso di rimborsi, magari non settimanale ma mensile.

L’esperto di Advertising, invece, riporta:

  • L’investimento settimanale e mensile
  • Il ROI settimanale e mensile
  • Il numero dei nuovi leads acquisiti

Il nostro responsabile Facebook e social media riporta:

  • La copertura raggiunta dal canale
  • I nuovi iscritti acquisiti tramite quel canale
  • I nuovi clienti acquisiti tramite quel canale

Speriamo di averti chiarito le idee riguardo ai KPI: cosa sono e come si impostano è davvero un ottimo inizio, ma è solo il primo di molti passi da fare per gestire la tua azienda in modo efficiente e organizzato.

Non preoccuparti, però: Biz Academy è con te!

Unisciti subito alla Biz Membership, entra a far parte della community di imprenditrici digitali più smart in circolazione e scopri tutte le nostre dritte per far decollare la tua azienda!

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Shop Editor Picks

Ultimi approfondimenti

Podcast Impact Girl

NON PERDERTI UN SOLO EPISODIO

[office_autopilot_form class="moonray-form-clearfix" validate="1" prefix="ba" uid="p2c6954f104" after="" before="" next="" button="Ricevi il podcast via email" template="officeAutopilotForm_popup.phtml"]

Iscrivendoti a questo programma acconsenti ad essere inserito/a nelle nostre mailing list, accettando la Privacy Policy e i nostri Termini e Condizioni. Potrai accedere o richiedere modifiche ai tuoi dati in qualsiasi momento.

Lascia un commento

Iscriviti alla Nuova Masterclass

Lanciare i Tuoi Prodotti sul Web Non è Mai Stato Così Semplice

Scopri la Formula replicabile in 4 Step per incrementare il tuo cash flow nel giro di 2 settimane e aumentare il numero dei tuoi clienti tutto l'anno.

Cecilia Sardeo

Unisciti a Cecilia Sardeo in questa masterclass di 90 minuti e scopri come aumentare il tuo Cash Flow in 2 settimane ✨​