Resilienza sul lavoro (anche in condizioni estreme)

Resilienza sul Lavoro (anche in Condizioni Estreme)

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su twitter

È venerdì sera… la settimana è stata lunga e, proprio mentre stai già pregustando un weekend di relax totale, ti arriva la richiesta urgente di un cliente importante; dopo settimane di lavoro il tuo capo decide di cambiare strategia e ti trovi costretta ricominciare tutto il progetto da zero; un tuo collaboratore si ammala all’improvviso e sta a te prenderti carico delle sue responsabilità, quando eri già sotto pressione per poter rispettare le tue prossime scadenze.

Come ti comporti?

  • A) Prendi il tuo portatile e lo scaraventi dalla finestra;
  • B) Senti il cuore tamburellare all’impazzata e parte una crisi di panico;
  • C) Ti rimbocchi le maniche e dai il meglio che puoi in quella situazione (magari dopo un breve sfogo al telefono con la tua migliore amica 😉).

Se la tua risposta oscilla tra lo scenario A) e lo scenario B), sappi che sei in buona compagnia. Riuscire a rimanere calmi anche nell’occhio del ciclone non è una capacità comune e, proprio per questo, la resilienza sta diventando una delle soft skills più richieste e apprezzate in ambito professionale.

La resilienza sul lavoro è riconosciuta come una caratteristica distintiva di chi è in grado di affrontare con lucidità pressioni, esigenze e tensioni del luogo di lavoro moderno. Sul posto di lavoro, le persone resilienti arrivano a ricoprire spesso incarichi importanti e manageriali, poiché vengono considerate più affidabili e flessibili, in grado di gestire meglio le richieste, affrontare priorità in costante cambiamento e fronteggiare con efficacia un carico di lavoro notevole.

Stai pensando che solo alcuni prescelti nascono dotati di questi “super poteri” e che la resilienza non è una caratteristica che ti appartiene?

Nulla di più sbagliato…

Resilienza sul lavoro: allenati in 6 passi

Al contrario di quanto molti credano, la resilienza non è una caratteristica innata di alcuni individui “privilegiati”. È piuttosto una qualità che può essere coltivata costantemente tramite un allenamento attivo. Il modo in cui affrontiamo tutto ciò che di inaspettato può sorprenderci nel lavoro, come nella vita, cambia e migliora con la semplice esperienza.

Oltre cinquant’anni di ricerche indicano infatti che la resilienza è costruita di atteggiamenti, abitudini, comportamenti e supporti sociali che possono essere adottati e coltivati ​​da chiunque. Ad agevolare lo sviluppo di una robusta resilienza sul lavoro (e non solo) entrano in gioco l’ottimismo, la capacità di rimanere in equilibrio e gestire le emozioni forti o difficili, un senso di sicurezza e un saldo sistema di supporto sociale.

La buona notizia è che possiamo quindi sviluppare la resilienza e rimanere motivati ​​di fronte a sfide inaspettate, situazioni stressanti, richieste pressanti e crescenti complessità.

Ecco 6 suggerimenti per allenare la tua resilienza sul lavoro (e non solo):

  1. Alleggerisci il tuo carico cognitivo. È stato stimato che riceviamo 11 milioni di stimoli informativi al secondo, ma che i centri di pensiero esecutivo del nostro cervello possono elaborarne solo 40 al secondo. Sebbene non possiamo ridurre la quantità di informazioni che riceviamo, possiamo categorizzare il modo in cui le elaboriamo per agevolare e alleviare il nostro carico cognitivo.
    Come? Ad esempio svolgendo alcune attività in momenti e luoghi specifici dedicati SOLO ad esse; passare dal multi-tasking seriale al mono-tasking; usare tecniche di focalizzazione come la tecnica del pomodoro e imparare gestire il proprio tempo con la scatola di Eisenhower.
  2. Ricarica le pile. Durante tutta la giornata lavorativa, è importante prestare attenzione agli alti e bassi di energia e produttività che tutti sperimentiamo. I cicli di messa a fuoco mentale, chiarezza ed energia durano in genere 90-120 minuti, quindi è utile allontanarsi dal nostro lavoro anche per pochi minuti così da darci il tempo di riempire nuovamente i serbatoi di energia e attenzione, prevenendo esaurimento e burnout.
  3. Non sottovalutare la potenza dei piccoli passi. Quando tutto sembra uscire fuori controllo, pensa a cosa potresti fare nei prossimi 3 minuti, per riprendere in mano la situazione. Potrebbe trattarsi di qualcosa di davvero piccolo! Un minuscolo passo alla volta, anche nel caos di una giornata intensa, ti porterà a destinazione prima di quanto immagini.
    E quando qualcuno reclama il tuo tempo senza misura? Ricorda che a volte è cruciale imparare a dire no… con gentilezza 😉.
  4. Proteggi la tua mente. Tutto parte da un pensiero, incluse le nostre emozioni: ciò significa che più diventiamo consapevoli dei nostri pensieri, più diventiamo abili nel gestire le nostre emozioni, soprattutto quelle che non ci stanno servendo. La consapevolezza dei nostri pensieri aumenta l’accuratezza del giudizio, migliora la creatività, facilita le prestazioni, riduce lo stress, rafforza la resilienza e l’efficacia nel lavoro, con naturali effetti positivi sul nostro benessere. Aspetto, quest’ultimo, affatto irrilevante, in quanto senza il benessere e la serenità garantiti da un equilibrio ottimale tra vita e lavoro, non può esistere il vero successo.
  5. Festeggia ogni traguardo. Prenditi del tempo alla fine di ogni giornata per rivedere cosa è andato bene e congratularti con te stessa anche per i più piccoli traguardi. Se ti senti creativa, scrivilo in un foglietto da mettere in un vaso che chiamerai “Vaso dei successi” e dal quale potrai pescare, ogni mattina, un promemoria di quello che sei riuscita a realizzare fino a quel momento. In questo modo allenerai la tue mente a cercare il successo piuttosto che a soffermarsi su un presunto “fallimento”.
  6. Allena l’ottimismo. Sviluppare la fiducia nella tua capacità di risolvere i problemi e fidarti del tuo istinto aiuta a costruire resilienza. Ricorda: nessun evento è del tutto buono o cattivo. Se permettiamo al nostro pensiero di categorizzare un evento come totalmente positivo o negativo, ci lasceremo sfuggire grandi opportunità.

    Chiediti sempre: “Cosa posso trarre di buono o imparare da questa situazione”?

    Non si tratta di un invito a negare le difficoltà e a fare finta che non esistano, mettendo la testa sotto la sabbia: tutt’altro! È un invito ad affrontarle al meglio delle nostre possibilità, senza disperdere energia creativa in spirali di insoddisfazione, spesso dettate dalla nostra incapacità di vedere il buono di ogni cosa, anche quando non rispecchia quello che avevamo in mente.

Resilienza in condizioni estreme: la forza di Giuditta Celli

Se c’è qualcuno che in ambito lavorativo è stata capace di dimostrare una resilienza fenomenale, anche in situazioni fisiche e psicologiche davvero estreme, è la nuova ospite di Impact Girl: Giuditta Celli, che si è collegata con noi da mooolto lontano…

Scienziata e glaciologa giovanissima, Giuditta è partita senza alcuna esitazione per una missione scientifica in Antartide 🐧 (brrr… ), munita di  una dose incredibile di coraggio e disciplina che le sono serviti per realizzare il suo sogno di far avanzare l’impatto della sua ricerca scientifica.

Giuditta è l’esempio vivente di come la resilienza sia un’abilità che si può sviluppare e allenare costantemente, tanto da diventare una filosofia di approccio alla vita — che le ha permesso di raggiungere meravigliosi traguardi.

In questo episodio di Impact Girl scopriamo:

  • 5:00- Come sfruttare il potere delle abitudini per cavarsela egregiamente in situazioni di forte tensione e isolamento;
  • 7:09 – Come gestire la convivenza quando si è costretti a vivere sotto lo stesso tetto;
  • 8:38 – Il ritorno alle piccole cose che contano davvero;
  • 10:01 – Come utilizzare il tempo in modo produttivo quando si è isolati;
  • 16:33 – I vantaggi di essere donna in un settore scientifico;
  • 21:40 – Come tenere alta la motivazione di fronte agli imprevisti;
  • 24:14 – Come evitare litigi e incomprensioni quando si convive in uno spazio limitato;
  • 27:42 – 3 consigli pratici per sopravvivere in situazioni ostili;
  • 30:35 – Come tornare a credere in te stessa;
  • 33:02 – La chiave per trovare sempre l’aiuto che cerchi.


Questi sono solo alcuni punti chiave. Ascolta o guarda l’intera puntata per tornare a lavorare al tuo progetto con un rinnovato entusiasmo! 

Ti aspetto!
Ceci xx

P.S: Pronta per far crescere la tua attività senza dover lavorare di più?? A Biz Academy ti aspettano:

  • Oltre 80 video pratici organizzati in 12 Collezioni propedeutiche per gettare le fondamenta del tui business sul web;
  • LIVE training mensili, per approfondire le più aggiornate strategie volte a far crescere la tua attività;
  • Template e Checklist da replicare senza fatica, per non perdere più tempo prezioso mentre provi a fare tutto da sola;
  • Mini video approfondimenti mensili, per risolvere tutti i dubbi a cui Google non sa rispondere;
  • Accesso privato a Biz Academy Club, per conoscere oltre 180 imprenditrici brillanti con cui confrontarti e avviare preziose collaborazioni;

Possibilità di scrivermi giornalmente per ricevere feedback o risposta a tutte le tue domande entro massimo 48 ore;

Unisciti alla tribù oggi 

Offerta Limitata 20%

Shop Editor Picks

Ultimi episodi

NON PERDERTI UN SOLO EPISODIO

Iscrivendoti a questo programma acconsenti ad essere inserito/a nelle nostre mailing list, accettando la Privacy Policy e i nostri Termini e Condizioni. Potrai accedere o richiedere modifiche ai tuoi dati in qualsiasi momento.