Pronta per digitalizzare la tua attività?

Stress da Lavoro? Da Dove Nasce e Come Superarlo.

Stress da Lavoro? Da Dove Nasce e Come Evitarlo.

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Stress da lavoro, burn out e senso di sovraccarico: suonano familiari? Tranquilla, non sei sola!

In modi e intensità differenti, sono 3 indesiderati compagni di viaggio che prima o poi tutte incrociamo sul nostro cammino. A volte li incontriamo così spesso, da finire col pensare sia normale essere continuamente sovraccariche di lavoro.

Perché dovremmo preoccuparci di qualcosa che ormai è considerato come assolutamente normale?
E poi, un’agenda piena è sinonimo di una via pien…

….aaaspetta, aspetta, facciamo un passo indietro.

Stress da lavoro: oltre a essere nocivo per la tua salute fisica e mentale, non ti rende più efficiente.

Dico davvero!

Allungare le tue to do list oltre ogni ragionevole confine, e correre come una trottola dalla mattina alla sera perché hai messo di nuovo troppe cose in agenda, non ti renderà più efficiente. Potrebbe forse darti l’illusione di essere super produttiva, perché ti sembra di star facendo un sacco di cose, ma è un’illusione, appunto, e la ragione è più ”scientifica” di quanto tu possa immaginare.

Capiamo il perché analizzando i 3 scenari che puntualmente si verificano quando lo stress da lavoro impera e noi viaggiamo ignare e ”felici” in prima classe direzione ”burnout”.

1. Fai solo le cose meno importanti, giusto per accorciare la lista.

Tendiamo sempre a sottovalutare quello che possiamo fare in un giorno e a sopravvalutare quello che possiamo fare in un arco di tempo più lungo. Darci troppe cose da fare rispetto a quelle che possiamo realisticamente completare ci fa scivolare nuovamente tra le braccia dello stress da lavoro.

La soluzione? Prova a non darti mai più di 6 cose da fare in un giorno!

Questa idea, ispirata al cosiddetto sistema di Ivy Lee è qualcosa che applico con enormi soddisfazioni soprattutto al lavoro. Alla fine di ogni giornata, preparo una lista di 6 cose al massimo, che intendo finire il giorno seguente.

6 è un numero magico in quanto è abbastanza grande per permettermi di fare ciò che ritengo importante e abbastanza piccolo per non sentirmi sopraffatta dalle troppe cose da fare.

Cosa succede ogni volta che vado oltre le 6 cose in lista? Che non penso ad altro se non ad accorciare quella lista e finisco per dare la priorità a cose di poca importanza, solo perché sono più facili e veloci e finirle mi regala l’illusione di procedere.

Peccato che poi, a fine giornata, mi renda conto di non aver concluso nulla di quello che avrebbe potuto avvicinarmi davvero ai miei obiettivi.

2. Non riesci comunque mai a finire tutto e ti senti puntualmente insoddisfatta.

Quando non ci diamo un limite, diventa cosa normale non riuscire a fare tutto quello che ci siamo prefisse di concludere, con il risultato che ci convinciamo di essere noi il problema. Certo il problema parte da noi, ma non siamo certo noi ad essere sbagliate, quanto la nostra gestione del tempo!

Ovviamente sarà più facile pensare che siamo semplicemente negate nell’organizzazione del nostro tempo: in questo modo, non affrontare il problema sarà una scelta più che giustificata e noi ci risparmieremo la fatica di cambiare.

3. Anche se riesci a fare tutto, arrivi a sera stremata, perché hai riempito ogni minuscolo momento libero senza darti il tempo fisiologico di ricaricarti.

Mi piace immaginare la vita come fosse un armadio fatto di tanti cassetti interconnessi che vanno aperti, riempiti e svuotati periodicamente; il ”cassetto lavoro” non può rimanere sempre aperto perché continuiamo a riempirlo.

Se non facciamo altro per tutto il giorno e non pensiamo a nient’altro per tutta la notte (sto drammatizzando, ma forse …no) ecco, che cosa ci rimane di quello che è davvero importante…di tutti gli altri cassetti? Del nostro benessere mentale, del tempo per noi e la nostra famiglia, di una passeggiata all’aria aperta?

Nulla, tanto anche volendo non avremo né le energie né il tempo da dedicarci.

La soluzione? Si chiama il Mindset da mini vacanza e mi aiuta a non soccombere alla tentazione di lavorare troppo.

In questo video trovi tutti i dettagli per provarlo subito.

È il momento di dire addio al senso di sovraccarico!

Quando gestisci la tua attività, lo stress da lavoro è un compagno di viaggio ancora più insistente e accanito. Con i suoi bagagli carichi di ansia e preoccupazioni è sempre seduto accanto a noi e non possiamo fare finta di niente!

Ecco perché in questo nuovo episodio di ImpactGirl andiamo a scoprire come far fronte al senso di sovraccarico una volta per tutte ed evitare lo stress da lavoro!

Che tu abbia appena aperto la tua attività o che tu sia ormai un’imprenditrice seriale, guarda questa puntata dall’inizio alla fine. Non te ne pentirai 😉

Tuffati nella nuova puntata da qui

LINK UTILI:

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp

Shop Editor Picks

Ultimi approfondimenti

Podcast Impact Girl

NON PERDERTI UN SOLO EPISODIO

Iscrivendoti a questo programma acconsenti ad essere inserito/a nelle nostre mailing list, accettando la Privacy Policy e i nostri Termini e Condizioni. Potrai accedere o richiedere modifiche ai tuoi dati in qualsiasi momento.

Lascia un commento

Iscriviti alla Nuova Masterclass

Lanciare i Tuoi Prodotti sul Web Non è Mai Stato Così Semplice

Scopri la Formula replicabile in 4 Step per incrementare il tuo cash flow nel giro di 2 settimane e aumentare il numero dei tuoi clienti tutto l'anno.

Cecilia Sardeo

Unisciti a Cecilia Sardeo in questa masterclass di 90 minuti e scopri come aumentare il tuo Cash Flow in 2 settimane ✨​

Presto il consenso ad essere inserito/a nelle nostre mailing list accettando la Privacy Policy e i Termini e Condizioni. Potrai accedere o richiedere modifiche ai tuoi dati in qualsiasi momento.